PonticelliToday

La “Rumba di Natale”: un mercatino a San Giovanni a Teduccio

Un vero e proprio mercatino di Natale si è svolto nello spazio antistante la biblioteca comunale "Antonio Labriola" a San Giovanni a Peduccio. In vendita braccialetti, palline di natale, segnalibri e vasi tutti fatti rigorosamente a mano

dsc01299Si è svolta ieri “Rumba di Natale”, un evento organizzato dalla congregazione delle Suore carmelitane di San Giovanni a Teduccio. Per l’occasione, nello spazio antistante la biblioteca comunale "Antonio Labriola", ha preso vita un vero e proprio mercatino di Natale.

Come spiega suor Annamaria Amadori: “L’idea è nata per fare qualcosa per i nostri ragazzini dell’oratorio, visto che questo si sostiene con la solidarietà della gente. È stato un tentativo di coinvolgere il territorio e sensibilizzare tutta la cittadinanza”.
E quale luogo migliore, se non la piazza? Tre anni fa una manifestazione simile si svolse nei locali interni della casa delle carmelitane. Ieri, invece, gli stand del mercatino natalizio sono stati posizionati nella centrale P.zza Pacicchelli.

Gli oltre trenta bambini dell’oratorio hanno realizzato, insieme con le volontarie del servizio civile, vari prodotti: braccialetti, palline di natale, segnalibri e vasi tutti fatti rigorosamente a mano. Con il ricavato della vendita dei manufatti si cercherà di far trascorrere ai bambini del centro una giornata diversa.

Tra le varie ipotesi: portarli allo stadio per assistere ad una partita della loro squadra del cuore, il Napoli, andare al cinema o a mangiare una pizza tutti insieme.
 Il tutto è stato reso possibile anche grazie al contributo dei giovani della radio web anticamorra Onda Pazza che hanno animato la fredda mattinata invernale con canzoni a tema natalizio.

Michele Langella, uno dei fondatori del circolo Arci di San Giovanni a Teduccio, di cui Onda Pazza è un progetto, sottolinea: “Abbiamo deciso di aderire alla manifestazione proposta da suor Annamaria visto che le istituzioni sono totalmente cieche e sorde alle necessità dei bambini. Lo abbiamo fatto per dare un po’ di allegria e serenità a queste “piccole pesti”. D’altronde anche questo è fare antimafia!”.
Quella di “Rumba di Natale” è la prova che se le cose sono fatte con il cuore e con amore, anche senza bisogno di sovvenzioni esterne da parte delle istituzioni, è possibile che riescano bene.

Domenica prossima si raddoppia. I ragazzi della radio anticamorra hanno infatti organizzato una mattinata di animazioni sempre a P.zza Pacicchelli con un Babbo Natale in carne ed ossa pronto a fare foto e a raccogliere le letterine contenenti i desideri di grandi e piccini.




Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • Dieta: 7 alimenti che credi facciano dimagrire e invece fanno ingrassare

  • Fusaro: riapre il frutteto borbonico. Toccherà quindi alla pista ciclabile

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Ancelotti furioso al Franchi, voci di esonero per Sarri: inizio col botto in Serie A

  • Bimba napoletana autistica interrompe il Papa, Francesco: "Dio parla attraverso di lei"

Torna su
NapoliToday è in caricamento