PonticelliToday

Stesa di camorra a Ponticelli: polizia all'inseguimento dei presunti autori

Un proiettile è finito nella stanza da letto delle figlie di un pregiudicato, per fortuna vuota

Stesa a Napoli (foto Ansa, archivio)

Una nuova "stesa" di camorra si è verificata a Ponticelli nel pomeriggio di ieri, nei pressi di via Camillo De Meis.

Ignoti hanno sparato dei colpi di pistola in aria: uno di questi però è finito nella stanza da letto delle figlie di un pregiudicato, le quali per fortuna non erano lì in quel momento.

Secondo le prime risultanze investigative, l'uomo non era in realtà l'obiettivo dell'intimidazione. Una volante della polizia ha intercettato alcune persone incappucciate che si allontanavano dal luogo del raid in sella a degli scooter ed è scattato un inseguimento: alcuni sono stati fermati e su di loro sono in corso accertamenti.

Intanto la polizia scientifica ha recuperato, nella stanza colpita, un'ogiva calibro 7.65. All'esterno dell'edificio è stato trovato un proiettile inesploso dello stesso calibro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Regionali, de Magistris: "Ho intenzione di candidarmi, c'è progetto di alternativa a sinistra e a destra"

  • Cronaca

    Tragedia sul lavoro in provincia d'Isernia, muore operaio napoletano

  • Meteo

    Maltempo su Napoli e Campania, la Protezione Civile proroga l'allerta meteo

  • Cronaca

    Violenza sessuale in centro, la polizia salva nigeriano dal linciaggio

I più letti della settimana

  • Bomba contro la pizzeria di Gino Sorbillo, Sorrentino: "Bisogna mobilitarsi"

  • Telecamere di "Pomeriggio Cinque" a Napoli, Barbara D'Urso interrompe la diretta

  • De Laurentiis commenta la vicenda Koulibaly: "Mi vergogno, uscirò presto dal calcio"

  • Esplosione devasta la pizzeria Sorbillo, Gino: "Prima l'incendio, ora le bombe"

  • Muore improvvisamente Michele Leo: il chitarrista aveva 40 anni

  • Bomba nella notte contro la pizzeria di Gino Sorbillo (VIDEO E FOTO)

Torna su
NapoliToday è in caricamento