Ponticelli Today

Maxi rogo nell'ex campo rom di Ponticelli: le fiamme lambiscono la statale

Non sono ancora chiare le cause dell'incendio, divampato da alcuni cumuli di rifiuti depositati illecitamente sul posto

In fiamme, a Ponticelli, i terreni che fino ad alcuni mesi fa ospitavano il campo rom. Il rogo, alto metri, ha sfiorato la rampa di accesso alla statale. L'incendio è divampato dai cumuli di spazzatura depositati sul posto illecitamente. A darne notizia è il Mattino.

Ancora da accertare le cause dell'incendio. I vigili del fuoco stanno operando con numerosi mezzi, coadiuvati dai militari dell'Esercito, impegnati soprattutto ad allontanare dal posto i curiosi.

La strada sovrastante, a rischio, è la 162. Un'arteria fondamentale per l'area orientale di Napoli dato che collega la periferia al centro della città ed ai Comuni della provincia. L’area limitrofa è utilizzata invece anche per alcune coltivazioni.

DENUNCIA - "L’intera periferia orientale è da giorni sotto assedio di roghi di rifiuti che avvelenano l’aria esattamente come accade da anni nel perimetro della Terra dei Fuochi. A nulla sono valsi i nostri appelli a bonificare una vasta area che da anni si caratterizza per la presenza di discariche a cielo aperto di rifiuti di ogni tipo". E’ quanto denunciano il senatore del Movimento 5 Stelle Sergio Puglia, il consigliere M5S della Città Metropolitana Danilo Cascone e i consiglieri M5S della Sesta Municipalità.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cultura

      Maggio dei Monumenti 2017, si parte: oltre un mese di eventi dedicati a Totò

    • Cronaca

      Duro colpo al clan dopo la denuncia di un giovane immigrato: 10 arresti

    • Cronaca

      Paura a Melito, 43enne ricoverata per meningite

    • Cronaca

      Alitalia, ministro De Vincenti: "No nazionalizzazione, soluzione è il mercato"

    I più letti della settimana

    • Boato nella notte a San Giovanni, bomba davanti al bar degli universitari

      Torna su
      NapoliToday è in caricamento